11/05/12

Ridere e far ridere in metropolitana: il riso è contagioso

Lachen in der U-Bahn, ridere nella metropolitana appunto, è stato girato in una fredda serata novembrina a Berlino: le carrozze della linea 12 della metropolitana in direzione Warschauer Straße sono piene di pendolari che fanno ritorno a casa. Sui volti dei passeggeri si leggono gli sguardi persi della routine quotidiana. Gesti stanchi, indifferenza, insofferenza. Insomma, una qualunque scena di vita sotterranea. Improvvisamente però una donna inizia a ridere, a crepapelle. Pochi secondi e ride tutta la carrozza. Senza apparente motivo. La risata è contagiosa e chi lo vede (ha totalizzato in pochi giorni oltre 1,2 milioni di click) non può fare a meno di sorridere. L'azione è stata pianificata da uno dei cosiddetti gruppi di Lachyoga presenti nella capitale, delle vere e proprie scuole di risata. La terapia autoindotta è infatti nota da tempo: studi medici e scientifici le attribuiscono diversi benefici.
Paolo Metropolitano, cominci tu stasera al ritorno a casa?
Buongiorgio

6 commenti:

  1. AHAHAHAHA SONO BELLISSIMI ANCHE I COMMENTI SOTTO AL VIDEO! LEGGETELI :D.

    grazie per averci fatto "prendere bene" la giornata di scioperi bus e metro!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Alessandra. Diciamo che lo sciopero fa meno ridere.... coincidenza sarcastica

    RispondiElimina
  3. Paolo Metropolitano11 maggio 2012 10:38

    Buongiorno Giorgio e Alessandra, non potrò iniziare oggi, non ho usato la metro e non la userò per il ritorno.....stranamente è sciopero!!!
    Ma è sempre un buon giorno!

    RispondiElimina
  4. Paolo lo sciopero non fa ridere eh? Soprattutto è sempre di venerdi

    RispondiElimina
  5. Paolo Metropolitano11 maggio 2012 12:34

    Stamattina invece ho riso anche di quello e sai perchè? sono andato al lavoro a piedi, una bella passeggiata di circa 12Km, ma sorridevo, mi piaceva vedere il groviglio di auto e moto ferme mentre io le superavo a piedi..... (sadico eheheheh)

    RispondiElimina
  6. 12 km a piedi? complimenti. La prossima volta dimmelo che vengo a farti una foto

    RispondiElimina