16/03/12

Fotografia - Photo Of The Week N°32 - Mare in Vendita

Carissimi lettori assidui e fedeli di Frews, bentornati!
Come ogni settimana ci ritroviamo sulle pagine della nostra rubrica per ammirare un nuovo scatto.
Oggi ritorna a farci visita Sarah, già protagonista dell'edizione N°24 della Photo of the Week. 
Anche in questa occasione, come allora, si tratta di uno scatto di denuncia, non di fotografia contemplativa. Uno scatto che parla, grida e si fa sentire. Come sempre, un ottimo lavoro!
Vi lascio alla visione dello scatto e vi ringrazio per il vostro contributo fondamentale. Senza di voi, non per fare retorica ma perché è letteralmente così, noi non esisteremmo. Buona Fotografia a tutti!




Foto: Mare in Vendita
Quel pezzo di mare, scuro e arrabbiato, riesce solo a riflettere la ricchezza di "qualcuno".
Un po come l' uomo di oggi. L' eterna lotta ricchezza- povertà e non solo economica.
Quel pezzo di mare, chiuso e incarcerato. Perchè ci meravigliamo delle sue ribellioni?
Se fossimo noi, quel pezzo di mare, qualcuno sarebbe in grado di non farlo?


Autore: Sarah

Sarah Myriam Elizabeth Mottinelli nasce a Milano il 14 gennaio 2525 ( titolo di una cover dei Visage)
Laureata. Precaria.
Studia danza e pianoforte dall'età di 4 anni, dicono in giro che l' arte ce l'abbia nel sangue.
Voce confermata dalle numerose e rumorose cicatrici pagate a caro prezzo.
CREARE è una missione...danzata, suonata, scritta e fotografata.
Lei deve lasciare un graffio che sia per sempre.





Come partecipare
Volete che un vostro scatto sia la prossima "Photo of The Week"?
Non dovete far altro che mandare una mail a servlad90@yahoo.it con il vostro scatto, preferibilmente in alta qualità. La foto dovrà essere accompagnata da un titolo, da una breve descrizione dello scatto, del supporto che avete utilizzato e di eventuali effetti impiegati. Inoltre è gradita una vostra breve biografia, in modo che il nostro pubblico    possa conoscervi. Nel caso in cui abbiate un blog dove pubblicate le vostre foto, vi invitiamo a segnalarcelo. Buona Fotografia a tutti!

IL GIORNO PRIMO E L’OTTAVO/16. I 22 bambini e gli occhi di Dio.


Voglio tornare anch’ io sulla strage dei 22 bambini morti sul pullman che li stava riportando a casa dopo la vacanza.
Il giorno successivo ho letto un articolo intenso e agghiacciante di Valeria Braghieri su Il Giornale che si poneva una domanda pesante: Ma perché Dio si è distratto? Il pensiero sotteso era quello di una insensatezza di ...

Vertice dal premier Monti: puoi venire a scattare la foto?"

"Siamo tutti qui. Nessuna defezione. C'è anche il cuoco della Nazionale Italiana, il portiere Gigi Buffon, Benigni pronto per chiudere i festeggiamenti dei 150 anni, potresti venire a scattare la foto?"
Sembra fosse questo il tweet originale di Pierferdinando Casini scritto mentre era in posa con Bersani, Alfano e l'appena arrivato (in piedi) presidente tecnico Monti, quasi a significare: oh, tu sei tecnico, tra poco te ne vai, le poltrone lasciale a noi.
Ma più misterioso ancora sembra essere il destinatario del tweet: c'è chi parla fosse indirizzato alla moglie Azzurra Caltagirone che gira sempre con una compatta, mentre i più maligni vociferano che fosse per Gianfranco Fini da troppo tempo dietro le quinte, dietro le telecamere ed anche dietro le macchinette fotografiche.
A togliere Monti e l'ABC dall'imbarazzo è stato il vicesegretario generale del Quirinale che passando di lì per augurare la buona notte ai convenuti si è visto porre direttamente la domanda da Casini: scusa, ecco il mio cellulare, puoi scattare la foto che devo twittarla subito così gli italiani tutti (e le nostre mogli) si tranquillizzano perché vengono a sapere dove siamo per davvero?

Ci facciamo un litro di benzina od una bottiglia di Champagne?


La benzina a due euro al litro. Ecco la più visibile conseguenza negativa della crisi globale. Con ripercussioni ancora più negative sulla vita quotidiana, sulle tasche e sui risparmi dei cittadini. Nel frattempo, stanno per farsi sentire direttamente sulla pelle, è questione ormai di giorni, le scottature che saranno provocate dagli aumenti delle tasse: quelle nazionali e locali, quelle sopratutto sul primo bene, la casa. Oggi poi qualcuno parla addirittura di “venerdì nero” riferendosi al primo effetto concreto delle manovre: il prelievo fiscale che incide su oltre cinque milioni di imprese piccole e medie e sui lavoratori autonomi. Lo Stato incasserà così 9,3 miliardi di euro, mentre altri 5 miliardi arriveranno dalle ritenute Irpef sui dipendenti, per un totale di quasi 14 miliardi e mezzo di euro. Il venerdì della maxi scadenza fiscale conferma che la pressione del nostro Fisco non ha mai raggiunto livelli tanto elevati.
Intanto sta calando in maniera vistosa il ritmo dei consumi: se è stata toccata perfino la spesa per gli alimentari, ciò significa che si sta raschiando il fondo del barile e che si sta tornando ai primi anni Ottanta. Preoccupante pure il continuo peggioramento delle condizioni della classe media, rilevata in molte indagini statistiche sempre più vicina al livello della povertà. Ecco perché l’allarme di Bankitalia, per cui il tetto delle tasse non può più essere sforato, e perché anche l’allarme di alcuni economisti liberali, per cui si deve porre a questo punto un limite invalicabile pure alla spesa pubblica. Il guaio è che non siamo ancora usciti completamente dall’emergenza e nessuno oggi è in grado di prevedere o tanto meno di quantificare altri, eventuali colpi di frusta. Altro dato negativo, la mancanza finora di una decisa inversione di rotta del sistema economico verso la ripresa e verso lo sviluppo. Eppure, tutti sanno che se non si innesta questa tanto sospirata ripresa non sarà neanche possibile creare nuovi posti di lavoro, per dare una minima risposta alle attese dei giovani disoccupati e delle donne.


Milan-Barcellona: e speriamo di non perdere con l'Apoel

foto Gibertini
L'unica squadra che non dovevamo incontrare ci è capitata: il Barcellona! Ed ora? Bisognerà vincere ma non sono servirà il miglior Milan ma anche un bel po'  di fortuna perchè battere i primi della classe è difficilissimo, in pochi ci sono riusciti ed ultimamente solo l'Inter di Mourinho che poi ha vinto la Champions.
Ho visto a Milano il Barcellona! Impressionante. L'ho raccontato anche qui.
 Hanno la palla, sai che faranno quello e che ti fregheranno in quel modo e lo fanno. Fenomenali.
Comunque il Milan può farcela, deve farcela, e speriamo in Ibra e Boateng: potrebbe essere l'occasione per Ibra di laurearsi Pallone D'Oro.
L'importante è battere ed eliminare il Barcellona ma poi non perdere in Finale con l'Apoel, ad esempio, altrimenti sarebbe meglio uscire a testa alta contro Messi, Guardiola and co.
Diavoletto Buono


Mi dichiaro pubblicamente colpevole di...possedere una seconda casa

Mi dichiaro colpevole e con l'aggravante della premeditazione! Certo, in questa italietta governata da figure più legate alla mitologia che al mondo reale non ci si può che aspettare una guida della nazione a dir poco “fantastica”! Ma non il fantastico che crea ammirazione e stupore, piuttosto frutto di una fantasia a dir poco contorta.

Un due tre stella della Guzzanti? Un'imitazione cinese di Ballarò

Dopo nove anni è dura tornare a calcare la scena televisiva e soddisfare le attese. Ancor più dura se hai un nome pesante, se sei difficilmente criticabile, se ti chiami Sabina Guzzanti e devi tirare fuori qualcosa di nuovo, qualcosa che stupisca, qualcosa che sorprenda. Quella di “Un due tre stella” era una sfida. Una sfida che la Guzzanti ha perso, preferendo fare quello per cui non è stata pagata – ossia l’antipolitica dell’ultima ora – e uccidendo quella satira che molti, meglio di lei, riescono a fare con più sottigliezza ed eleganza.

Probabilmente di “Un due tre stella” non se sarebbe parlato se la Guzzanti si fosse limitata a quella ‘satira’ d’attualità che l’ha vista dapprima imitare Monti, passando per la Palombelli e terminando con l’Annunziata. Ma si sa, per far notizia si è disposti a tutto e così Sabina Guzzanti ha rispolverato le ossessioni del passato, si è tolta qualche sassolino dalle scarpe, ricadendo nell’antica ossessione dell’antiberlusconismo. Attacca la legge Gasparri, sermoneggia sui temi finanziari, si prende gioco di quei giudici che a suo dire hanno sbagliato ad annullare la sentenza su Dell’Utri e tira in ballo anche Giulio Andreotti. Sembrava quasi un remake del peggior Santoro il suo programma, un’imitazione cinese di Ballarò, una clonazione difettosa di Serena Dandini. Perché al posto di andare avanti, di seguire l’evoluzione della satira e della comunicazione, Sabina Guzzanti è tornata indietro per soddisfare le sue voglie vendicatrici contro chi, a suo dire, nove anni fa l’aveva censurata. Non male come professionalità. Proprio per questo vien da chiedersi se “quell’interruzione pubblicitaria durata nove anni”, come l’ha chiamata la Guzzanti, non sia stata cosa buona e giusta.


Eugenio Cipolla

9 mesi in 90 secondi: non è una gravidanza record ma un filmato

Avete novanta secondi questa mattina da dedicare ad un piacevole video per augurarci il buongiorgio?
Una coppia e l'attesa della nascita della loro bambina in 90 secondi. Si chiama ''Introducing'' il progetto di due giovani innamorati che hanno deciso di catturare i nove mesi della gravidanza prima di diventare mamma e papà, per poi presentare al web la loro piccola Amelie. 
(da La Repubblica.it) Una storia adorabile che ha emozionato il popolo di internet.Per la mia famiglia ce ne vorrebbero 270 di secondi, stasera ne parlo a mia moglie.
Guardatelo e fatevi emozionare anche voi. Ci sentiamo tra un minuto e mezzo per gli auguri di buongiorgio.
video

Oggi è S.Eriberto. Nomi Fedora , Fedro. Frase di Pascoli.

16 marzo 2012 segno zodiacale: Pesci
Il sole sorge alle 6.48 e cala alle 18.10
S. ERIBERTO nasce intorno al 970.
Studiò nell' abbazia di Gorze e nella cattedrale di Worms, di cui divenne prevosto.
Cancelliere di Ottone III divenne nel 999 arcivescovo di Colonia.
Muore in disgrazia sotto Enrico II, vivendo nell' ombra fino alla morte , avvenuta intorno al 1021.
E' invocato per ottenere la pioggia.
NAME OF THE DAY: Female FEDORA è la forma femminile del nome russo Feodor derivato dal greco e significa " dono di Dio". Si festeggia il 1 novembre festa di tutti i Santi. La sua pietra è il rubino.
Male FEDRO deriva dal greco e significa"lupo". Si festeggia il 29 novembre. La sua pietra è il rubino.
" Il sogno è l'infinita ombra del Vero".
Giovanni Pascoli