16/12/11

Cosce, glutei, sex symbol e l'ossessione femminile della magrezza





Gerard Piqué è un difensore della squadra di calcio del Barcellona che il prossimo 2 febbraio compirà appena 25 anni.E'un bel ragazzone e potrebbe essere fidanzato con una di quelle modelle che hanno gambe dall'infinita lunghezza e sono poco più che ragazzine,bellissime e freschissime anche senza trucco.Invece no! Piqué sta da un anno con la celeberrima cantante colombiana Shakira, nata il suo stesso giorno ma dieci anni prima, più bassa ancora di me, nota al pubblico per le sue carriera musicale ma anche per il suo sodo deretano. Non è bellissima, almeno non secondo i canoni ora in auge, ma sento tanti, tanti ragazzi parlare di lei come di un sex symbol. La portoricana è ancora più famosa Jennifer Lopez è oltre gli anta, ha un sederone enorme che la rende,secondo me,sproporzionata,eppure domina classifiche di bellezza,viene chiamata per un sacco di spot pubblicitari, tramuta in oro quello che tocca.E'una nanetta anche lei e ha pure le cosce grosse!Anche Rihanna e Beyoncé sono due coscione,io le metterei subito a dieta!!! E invece piacciono!E anche tanto.E'un trionfo di culoni! Per me è bella Kate Moss,mi sembra in forma Elisabetta Canalis e mi sento un pochino in colpa perché mangio due piatti di pasta,sono golosa di salame,non resisto a cioccolato in inverno e gelato in estate, ultimamente ho la fissa con i cornetti alla crema di un forno che fa pure dei panini ai cereali squisiti! Se scrivessi il mio peso,che dopo una gravidanza in cui ho preso 18 kg è tornato il solito, cioè quello di quando avevo 12 anni, sarei giudicata fortunata eppure io mi ripeto che se fossi capace di resistere a tutte queste tentazioni, compreso il bicchierino di vov,peserei 2-3 kg in meno! Ma perché noi donne siamo ossessionate dalla magrezza?!

2 commenti:

  1. Ogni società tenta di imporre i propri canoni di bellezza, il proprio stereotipo di bellezza! Per almeno 20 anni il canone di bellezza del mondo occidentale "moderno" è stata la donna alta, magra e con i fianchi stretti; assolutamente in contraddizione con gli antichi canoni di bellezza, che normalmente preferivano al contrario donne con curve formose e spesso con qualche chiletto in più (vedasi le molteplici opere d'arte presenti nei musei). Io credo che il canone di bellezza che abbiamo avuto fino ad ora sia anche contro-natura infatti è dimostrato scientificamente che le donne esageratamente magre e con i fianchi stretti sono statisticamente molto meno feconde di quelle rotondette. Ma tutto è in linea con il mondo occidentale: infatti per essere iper-magre "contro-natura" le donne si attaccano a qualunque possibile rimedio: farmaci, trattementi estetici, creme, massaggi, palestra, cibi speciali (confezionati), ecc. ecc. Tutte cose che "fanno girare l'economia" e che quindi servono per contribuire a tenere in piedi il sistema! Ma...alla fine le Leggi della Natura prevalgono, e nonostante in televisione, sulle riviste, nella pubblicità si vedevano quasi solamente anoressiche, l'Uomo per natura è attratto per lo più dalle forme più "rotonde" (come fai notare tu fra nel post) e così alla fine anche la pubblicità comincia ad adeguarsi e ultimamente propone ragazze più rotondette...anche in questo caso, l'inganno tende a non reggere più e la donna iper-magra comincia a rivelarsi che non era affatto una vera e reale bellezza!
    Con questo se una ragazza è iper-magra di natura, di costituzione non credo che si debba sentire "brutta", ogni corpo ha la propria bellezza, i propri lati positivi e negativi, l'importante è imparare a stare bene con se stessi, solo se si piace a se stessi (accettandosi per quello che si è) si potrà poi piacere anche a chi ci sta intorno! Se sei una "super-figa" ma sei antipaticissima, nessuno sarà mai veramente attratto da te, certo magari ti porteranno a letto o ti sposeranno anche, ma solo per sfoggiarti come un oggetto, non perchè piaci e tengono veramente a te!

    RispondiElimina
  2. Credo che in fondo tutta questa ossessione sia un tentativo di essere accettate, amate, stimate ed apprezzate. Conformandosi allo stereotipo di donna perfetta credono inconsciamente che se raggiungono la perfezione saranno degne di essere amate e che varranno davvero. Hanno paura. Noi uomini facciamo lo stesso inseguendo il successo. Raggiungimento del successo uguale uomo realizzato, invidiato, ammirato, stimato e in fondo amato. Anche l' ossessione per la palestra ha a che fare con lo stesso bisogno di essere amati.

    RispondiElimina